ASSE.CO., la certificazione che fa stare tutti più tranquilli

Dalla sua introduzione nel 2014, sempre più aziende decidono di certificarsi.
 
Un piccolo, grande vantaggio per le PMI e anche per le grandi aziende, quello di comparire in una lista facilmente consultabile e redatta dal Ministero del Lavoro e dall’Ordine dei consulenti che testimonia in pochi click il possesso della certificazione Asse.Co. e di tutti i vantaggi ad essa connessi.
Ma cosa vuol dire Asse.Co., e cosa comporta?

 

Una certificazione che è sinonimo di legalità

La certificazione Asse.Co. è l’asseverazione di conformità dei rapporti di lavoro, e ha l’obiettivo di certificare la regolarità delle imprese e il rispetto della normativa di legge in materia di lavoro, della contrattazione collettiva, della situazione contributiva e retributiva.
Una volta conseguita la certificazione, che si ottiene con una richiesta volontaria, il datore di lavoro e il nome dell’azienda vengono inseriti in un elenco contenente tutte le imprese asseverate che hanno sviluppato e diffuso la cultura della legalità.
Due vantaggi molto pratici sono la riduzione della possibilità di avere un’ispezione e la certezza della regolarità della posizione aziendale nel caso l’azienda rientri tra altre scelte a campione.
Non solo, il ritorno in immagine e credibilità dell’azienda è immediato e significativo, vi basti pensare all’utilità della certificazione in caso di richiesta di un credito bancario, oppure durante gare e appalti.
Inoltre, anche se è il datore di lavoro che sceglie volontariamente di certificarsi, sempre più aziende richiedono l’Asse.Co. preventivamente come un segno in più per instaurare delle partnership.

 

Asse.Co., chi può richiederla

Tutti i datori di lavoro possono richiedere la certificazione Asse.Co. previa presentazione della dichiarazione di responsabilità del datore di lavoro e la dichiarazione di responsabilità del consulente del lavoro allegate alla domanda: la prima dichiarazione attesta che non sono stati commessi illeciti in materia di lavoro, la seconda concerne il rispetto della contrattazione collettiva e la verifica dei requisiti necessari al rilascio del Documento Unico di Regolarità Contributiva, DURC.

 

Con Asse.Co. si promuove la legalità

FARMALOG non transige sulla trasparenza e la regolarità della gestione delle proprie risorse in materia di normative del lavoro, per questo il Presidente Andrea Bisaro ha deciso di dare più forza a quello che, oltre ad essere un principio etico, è un dato di fatto per l’azienda: con l’ottenimento della certificazione Asse.Co., che avverrà a breve, avremo fatto un ulteriore passo in avanti nella promozione di una cultura del lavoro sana, sicura e legale.